Un altro progettto sostenuto dalla Fondazione Calabria Film Commission approda alla 74° Mostra del Cinema di Venezia. Mercoledì 6 settembre, alle ore 11.30, Sala Casinò,sarà presentato, nella sezione Migrarti (organizzata dal Mibact) “Quasi domani” diretto e prodotto da Gianluca Loffredo (52 min.), sostenuto da Calabria Film Commission e Migrarti Mibact.

Quasi domani è ambientato in un piccolo borgo calabrese in cui, negli ultimi anni, il numero di immigrati ha eguagliato quello dei vecchi abitanti. Al suo interno, 5 storie individuali di immigrati tessono un affresco del lento e difficile processo di integrazione. C’è chi è nato in Burkina Faso, come Sami, che è diventato cittadino italiano; chi è pienamente inserito nei costumi calabresi, come Torab, ma sente la nostalgia del suo Afghanistan. Chi ha trovato lavoro, c’è Edgar, un rifugiato politico armeno, che per trovare lavoro è costretto a migrare ancora. E poi c’è chi, come Lamin, è da 3 anni in attesa dei documenti per cominciare una nuova vita. A fare da sfondo alle loro vite, c’è il paese di Cassano all’Ionio, luogo di contraddizioni, pieno di rabbia ma anche di grande generosità.

Al di là delle diverse storie di integrazione, vero protagonista del documentario è il paese di Cassano All’Ionio – scrive nelle sue note di regia Gianluca Loffredo – Le voci delle vecchiette fuori ad un vicolo, il commento di un calzolaio ad un vecchio amico, lasciano trapelare il pensiero popolare, che, come in gran parte del mondo Occidentale, è pieno di luoghi comuni, per chi si ritrova a vivere accanto a culture differenti. Le piccole storie dei protagonisti sono emblematiche di momenti diversi del processo di integrazione: chi ha ottenuto la cittadinanza italiana, chi prende casa in affitto, chi trova lavoro e chi è in attesa dei documenti. Il documentario descrive sentimenti universali che restituiscono individualità a chi, troppo spesso, viene considerato solo come un numero all’interno delle statistiche ufficiali”.

Gianluca Loffredo è nato a Napoli il 26 novembre 1982. Si laurea in Scienze Politiche all’Università L’Orientale di Napoli nel 2006. Dopo il primo anno di studio alla Scuola Nazionale del Documentario dell’Istituto Luce e Città della Scienza, nel 2006/2007, comincia a lavorare come regista, operatore e montatore indipendente.